Da Rioletta a Boccadirio

Percorso: Rioletta, Passeggere, Santuario di Boccadirio


DI GRAZIELLA CERVELLATI

Partire dal Rifugio Rioletta (frazione  Di San Benedetto Val di Sambro) e salire per la strada asfaltata in salita fino a Pian di Balestra.

Proseguire verso Sinistra costeggiando diverse villette fino ad arrivare alla strada bianca; al 1° Bivio a Destra seguendo le indicazioni per <Faggeta, Strada Romana, Futa> ( sentiero segnato col n. 017).

Arrivati alla Faggeta, vecchia strada abbandonata, mt.1097, costeggiarla e proseguire sempre dritto fino ad un cancello rosso “Siamo in Toscana”; aprirlo e seguendo il prato o la stradina bianca, puntare a SUD, seguire il sentiero che porta ad un passaggio tra gli alberi con una rustica tavolona per Pic-Nic, sempre dritto fino ad incontrare segnali rossi molto visibili; ad un piccolo spiazzo scendere verso Destra ed aprire un passaggio per mucche.

Da qui proseguire sempre per il sentiero principale fino a giungere ad un Pilastrino con Madonna alla nostra Sinistra.

INFO


Rifugio Rioletta mt. 950 - Ristorante tel. 0534 99153


Siamo arrivati al Passeggere mt. 1010: fin qui ore 1,15 di cammino.

Dal Passeggere scendere per la stradina bianca a Destra, passare dalla fattoria Bel Poggio, poi si ritorna alla strada bianca e, voltando a Sinistra per un viottolo in erba, sulla nostra Sinistra si arriva alla Borgata Le Fratte mt 811.

Entrare nella borgata fra le case e tenendo a Sud, sbucare sull’asfalto della strada per Bruscoli-Futa. Attraversare la strada e di fronte c’è un piccolo cancellino con un viottolo che scende sulla strada per Cerdello (questa è una bella accorciatoia) poi si arriva alla Borgata Cerdello mt.761 con una grande fontana e tanto posto per una breve sosta.

Attraversare tra le case, proseguire per la strada principale tenendo la Sinistra per altri 400 metri, passare un poggio e fare attenzione: alla nostra Destra, dopo una siepona c’è un passaggio per mucche (filo spinato e pali mobili) = SENTIERO DI ALBAGINO.

Aprirlo e seguire la carrareccia erbosa che prima costeggia un dirupo sulla nostra Destra poi un prato. Sulla nostra Sinistra si scorge un Pilastrino /Maestà di pietra arenaria con Madonnina in ceramica bianca e azzurro come quella di Bocca di Rio: è un ex voto.

Proseguire per il sentiero e ci si inoltra nel bosco di castagni molto bello e in discesa e pure segnato! Si giunge alla stradina asfaltata, si passano alcune case, poi si passa sotto ad un cavalcavia dell’autostrada poi sempre scendendo, dopo una curva sulla nostra Destra, c’è un sentiero in sassi che scende rapidamente. Sempre scendendo si arriva al fiume: Mulino del Frate con casa rosa diroccata Vanella mt. 528, attraversare un doppio guado e nel frattempo notare un vecchio ponte molto caratteristico, diroccato, sulla nostra Sinistra.

Proseguire per il sentierino che sale fino a giungere nel cortile di una casa preceduta, sulla nostra Destra, da una piccola porcilaia. Passare davanti alla casa e salire per la stradina asfaltata fino a giungere sulla provinciale che da Roncobilaccio porta a Baragazza.

Arrivati qui scendere verso Sinistra, fino al Panificio Cloriti. Mt. 640; proseguire ancora poche metri, si passa un ponticello e sulla nostra Destra si scorge il SENTIERO/VECCHIA MULATTIERA che porta a Boccadirio mt. 719: dalla partenza a qui ore 3,00/3,15. 

Salire per questo caratteristico e fresco sentiero che costeggia il RIO. Arrivati alla fine c’è il grande Piazzale del SANTUARIO con la caratteristica FONTANA. Proseguire per ancora 5 minuti e si arriva dentro al Chiostro Del Santuario.

 

C’è un Ristorante tel. 0534 898304. Fin qui ore 3,30 o 3,45.

 

NB: Il Santuario è stato restaurato verso la fine del 1800; si consiglia la visita alla bellissima Madonna di ceramica bianco/azzurro del Della Robbia. Ci sono bellissimi prati tutto attorno con panche per fermarsi a mangiare al sacco.